lunedรฌ 15 luglio 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ— | ๐•†๐•Š๐•Š๐”ผ๐•Š๐•Š๐•€๐•†โ„•๐”ผ ๐••๐•š ๐•Š๐•ฅ๐•–๐•ก๐•™๐•–๐•Ÿ ๐•‚๐•š๐•Ÿ๐•˜


๐š€๐šž๐šŽ๐š•๐š•๐š˜ ๐š๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐šœ๐šŸ๐š˜๐š•๐š๐šŠ ๐šŽ๐š›๐šŠ ๐šž๐š— ๐š‹๐šŽ๐š• ๐š๐š’๐š˜๐š›๐š—๐š˜, ๐šž๐š—๐šŠ ๐š‹๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐š–๐šŠ๐š๐š๐š’๐š—๐šŠ ๐š๐š’ ๐š–๐šŠ๐š๐š๐š’๐š˜. ๐™ฐ ๐š›๐šŽ๐š—๐š๐šŽ๐š›๐š•๐šŠ ๐š‹๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ'๐šŽ๐š›๐šŠ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐š๐šŽ๐š—๐šž๐š๐š˜ ๐š๐š’รน ๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š˜๐š•๐šŠ๐šฃ๐š’๐š˜๐š—๐šŽ. ๐™ด ๐šŠ๐š—๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š•๐š˜ ๐šœ๐šŒ๐š˜๐š’๐šŠ๐š๐š๐š˜๐š•๐š˜ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐šŸ๐š’๐šœ๐š๐š˜ ๐š๐š’ ๐šœ๐š๐šž๐š๐š๐š’๐š๐šŠ ๐š๐šž๐š›๐šŠ๐š—๐š๐šŽ ๐™ฐ๐š•๐š๐šŽ๐š‹๐š›๐šŠ ๐™ธ๐™ธ.
๐š‚๐šŽ๐š๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐š—๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐š๐š’๐š•๐šŠ ๐š™๐š’รน ๐š•๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š—๐šŠ ๐š๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐š™๐š˜๐š›๐š๐šŠ, ๐šŒ๐š‘๐šŽ รจ ๐šŠ๐šŒ๐šŒ๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š๐š’๐š—๐šŽ๐šœ๐š๐š›๐šŽ, ๐šŽ ๐š‘๐š˜ ๐šŸ๐š’๐šœ๐š๐š˜ ๐š•๐š˜ ๐šœ๐šŒ๐š˜๐š’๐šŠ๐š๐š๐š˜๐š•๐š˜ ๐šœ๐šž๐š• ๐š™๐š›๐šŠ๐š๐š˜. ๐™ธ๐š• ๐š™๐š›๐šŠ๐š๐š˜ ๐š๐šŽ๐š• ๐š•๐š’๐šŒ๐šŽ๐š˜ ๐š๐š’ ๐™ฟ๐š•๐šŠ๐šŒ๐šŽ๐š›๐šŸ๐š’๐š•๐š•๐šŽ รจ ๐šž๐š—๐š˜ ๐š๐š’ ๐šš๐šž๐šŽ๐š•๐š•๐š’ ๐šœ๐šŠ๐š—๐š’, ๐šœ๐šŽ๐š—๐šฃ๐šŠ ๐š๐šŠ๐š—๐š๐šŽ ๐š™๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ. ๐š…๐š’๐šŽ๐š—๐šŽ ๐šœ๐šž ๐š๐š’๐š—๐š˜ ๐šŠ๐š๐š๐š˜๐šœ๐šœ๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•'๐šŽ๐š๐š’๐š๐š’๐šŒ๐š’๐š˜ ๐šŠ ๐šœ๐šŠ๐š•๐šž๐š๐šŠ๐š›๐š๐š’ ๐š๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š๐š’๐š—๐šŽ๐šœ๐š๐š›๐šŽ. ๐™ฝ๐šŽ๐šœ๐šœ๐šž๐š—๐š˜, ๐šŠ๐š•๐š–๐šŽ๐š—๐š˜ ๐š—๐šŽ๐š’ ๐šš๐šž๐šŠ๐š๐š๐š›๐š˜ ๐šŠ๐š—๐š—๐š’ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŒ๐š’ ๐š‘๐š˜ ๐š™๐šŠ๐šœ๐šœ๐šŠ๐š๐š˜ ๐š’๐š˜, ๐š‘๐šŠ ๐š–๐šŠ๐š’ ๐šŒ๐šŽ๐š›๐šŒ๐šŠ๐š๐š˜ ๐š๐š’ ๐šŠ๐š•๐š•๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š—๐šŠ๐š›๐š•๐š˜ ๐š๐šŠ๐š’ ๐š–๐šž๐š›๐š’ ๐šŒ๐š˜๐š— ๐šŠ๐š’๐šž๐š˜๐š•๐šŽ ๐š๐š’๐š˜๐š›๐š’๐š๐šŽ ๐š˜ ๐š™๐š’๐š—๐š’ ๐š—๐šŠ๐š—๐š’ ๐š˜ ๐šš๐šž๐šŠ๐š•๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐š•๐š๐š›๐šŠ ๐šŠ๐š–๐šŽ๐š—๐šŠ ๐šœ๐š๐š›๐š˜๐š—๐šฃ๐šŠ๐š๐šŠ. ๐š…๐š’๐šŽ๐š—๐šŽ ๐šœ๐šž ๐š๐š’๐š—๐š˜ ๐šŠ๐š’ ๐š–๐šž๐š›๐š’ ๐š๐š’ ๐šŒ๐šŽ๐š–๐šŽ๐š—๐š๐š˜ ๐šŽ ๐š•รฌ ๐šœ๐šŽ ๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š›๐šŽ๐šœ๐šŒ๐šŽ ๐š๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐š‹๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ, ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š๐š’ ๐š™๐š’๐šŠ๐šŒ๐šŒ๐š’๐šŠ ๐š˜ ๐š—๐š˜.


- ๐™Ž๐™ฉ๐™š๐™ฅ๐™๐™š๐™ฃ ๐™†๐™ž๐™ฃ๐™œ

sabato 13 luglio 2019

RECENSIONE | IL DIO DELLA COLPA... un avvocato tra presente e passato



TITOLO: Il dio della colpa

AUTORE: Michael Connelly

EDITORE: Piemme




SINOSSI: Mickey Haller รจ un uomo complicato. Deve fare i conti con un passato di eccessi, con una figlia che non vuole piรน saperne di lui e con le necessitร  quotidiane, tra cui quella di guadagnare quel tanto che basta a mandare avanti il suo studio. รˆ per questo che, quando riceve un messaggio sul cellulare la sua attenzione viene immediatamente catturata. A mandarglielo รจ Lorna, la sua segretaria, e il testo รจ questo: "Chiamami subito. Si tratta di un 187". Il numero, che in California corrisponde al codice dell'omicidio. Occuparsi della difesa in un caso di omicidio significa guadagnare molti soldi. Quando poi scopre che la vittima, una prostituta che pensava di aver rimesso sulla retta via, era giร  stata sua cliente, non ha piรน dubbi sull'opportunitร  di accettare l'incarico. A muoverlo perรฒ non รจ solo il bisogno di guadagnare, ma una sete di giustizia che nasconde un forte desiderio di redenzione personale.


RECENSIONE


Finalmente Michael Connelly mette un po' di ordine nella vita dell'avvocato Haller, consentendogli di difendere un uomo innocente e di dormire meglio la notte. A rendere il tutto piรน difficile, perรฒ, รจ la presenza di un uomo, che รจ stato incastrato da un agente corrotto delle DEA. Questo dimostra che non รจ sempre facile fare l'avvocato difensore, Mickey Haller sempre piรน spesso difende colpevoli di ogni tipo e l'etica professionale gli impone di farlo sempre al meglio.
E' un personaggio ambiguo, disposto a schierarsi anche con figure losche fregandosene che siano la peggior feccia. Gli importa solo di essere piรน furbo del suo avversario, cosรฌ da tirarle fuori dal carcere. Questo suo atteggiamento non gli fa godere di molte amicizie e simpatie, anche sua figlia e la sua ex moglie si sono definitivamente allontanate da lui.
La vita dell'avvocato รจ dunque difficile, divisa tra lavoro e mostri interiori che lo costringono a dover fare i conti con il suo personale dio della colpa.

Un vero e duro legal drama, ambientato nelle aule di tribunale tra strategie e sotterfugi. Inevitabile l'inizio in sordina ma lasciate che la metamorfosi si completi e la seconda parte del libro sarร  un piacere.
Connelly รจ una certezza, con lui non si sbaglia.
Un buon romanzo nel quale i piccoli colpi di scena ed il cambio ritmo consentono una lettura scorrevole. Non annoia, anche l'inizio รจ piacevole, e l'autore riesce a definire un profilo caratteriale del protagonista in modo completo ed esaustivo, portandone a galla nuovi dettagli, nonostante sia ormai al quinto romanzo sull'avvocato.
La trama รจ giustamente intricata ma solo con i personaggi essenziali, senza inutili e complicati passaggi a cui sempre piรน spesso autori inesperti si rivolgono per infittire le pagine con l'inevitabile conseguenza di rendere tutto piรน confuso.

Il romanzo รจ interamente incentrato sul giallo giudiziario pertanto, chi รจ solito leggere testi del genere di questo o altri autori quali, per esempio, Grisham, sa cosa aspettarsi.
Lo stile e la trama non si distinguono per originalitร  ma, rispetto a precedenti episodi aventi quali protagonista Mickey Haller, in quest'ultima opera Connelly riesce a rendere il mistero piรน intrigante e non sussiste quella sensazione di deja-vu che potevano magari trovare nelle precedenti prestazioni. Uno scritto piรน fluido e scorrevole, rendono Il dio della colpa privo di elementi che tendono a rendere farraginosa la lettura.
Con grande maestria Michael Connelly sviluppa l'intreccio narrativo che, tra sequenze rapide e dialoghi centellinati risulta quasi privo di lacune. Stilisticamente il linguaggio รจ fluente, il lettore si fa trascinare dal narrato, ne รจ attratto, nutrendo il desiderio di sapere chi e che cosa si cela dietro la morte della donna. La famosa metamorfosi citata prima.



Il mio voto: 7



Enrico

martedรฌ 9 luglio 2019

ODIO VOLARE | e tu, hai paura di volare?

Disponibile, da oggi, in tutte le librerie ODIO VOLARE, un'antologia di 17 racconti che hanno come elemento di congiunzione la fobia del volo.
Vi siete mai immaginati situazioni terribili in cui potresti trovarvi ad alta quota? C'รจ chi soffrirebbe di claustrofobia, chi invece di attacchi di panico e poi ci sono quelli che non vengono nemmeno sfiorati dal pensiero ma che sotto sotto, forse, fingono solo di fare 'i duri'.

Ogni situazione da voi pensata potrร  dunque trovare una forma in questa raccolta curata da Stephen King e Bev Vincent, autori che hanno contribuito con L'esperto di turbolenze e Zombies on a plane.
Da segnalare anche la presenza di Siete liberi, titolo firmato da Joe Hill (primogenito di King), insieme a vecchie opere di autori cult come Ray Bradbury, Richard Matheson, Dan Simmons e molti altri.

Si legge in giro sull'internet: nei racconti che seguono, incontrerete di tutto, da un mostriciattolo appollaiato sull'ala di un Boeing 727 a esseri trasparenti che vivono al di sopra delle nubi. Vi imbatterete in viaggi nel tempo e in aerei fantasma. Soprattutto, sperimenterete quei dodici secondi di pericolo estremo nei quali tutte le cose che possono andare storte durante un volo vanno effettivamente storte.
Lo stesso Stephen King ha raccontato cosรฌ la genesi dell'opera: allora, eravamo seduti a cena prima della proiezione de La Torre Nera a Bangor, e sapevamo che molte persone sarebbero arrivate in aereo per partecipare all'evento. Io ho confessato che odio volare e la conversazione si รจ concentrata su storie di aerei, alcune spaventose, altre divertenti. Ho notato che non era mai stata pubblicata una raccolta di racconti horror sul volo, anche se me ne erano venuti in mente diversi sul tema. Qualcuno avrebbe dovuto farla. Bev Vincent, che รจ un incredibile pozzo di scienza, ha accettato di curarla con me e ora eccola qui. Bev e io pensiamo che sia una lettura ideale da aereo, specialmente durante gli atterraggi turbolenti.




Enrico

lunedรฌ 8 luglio 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ– | ๐•€๐•ƒ ๐”น๐•Œ๐•€๐•† ๐”ป๐”ผโ„•๐•‹โ„๐•† ๐••๐•š ๐”ธ๐•Ÿ๐•ฅ๐• ๐•Ÿ๐•š๐•  ๐•ƒ๐•’๐•Ÿ๐•ซ๐•–๐•ฅ๐•ฅ๐•’


๐™ถ๐š•๐š’ ๐š˜๐šŒ๐šŒ๐š‘๐š’ ๐š๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐š›๐šŠ๐š๐šŠ๐šฃ๐šฃ๐šŠ ๐š•๐š˜ ๐š๐š’๐šœ๐šœ๐šŠ๐šŸ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐šŠ๐š๐š๐š›๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐š›๐šœ๐š˜ ๐š’๐š• ๐šŸ๐šŽ๐š•๐š˜ ๐š๐š’ ๐š–๐š˜๐šœ๐šŒ๐šŽ๐š›๐š’๐š—๐š’ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š•๐šŽ ๐š›๐š’๐šŒ๐š˜๐š™๐š›๐š’๐šŸ๐šŠ ๐š•๐šŠ ๐š๐šŠ๐šŒ๐šŒ๐š’๐šŠ. ๐™ป๐šŽ ๐š’๐š›๐š’๐š๐š’ ๐š‹๐š•๐šž ๐šŽ๐š›๐šŠ๐š—๐š˜ ๐šŸ๐šŠ๐šœ๐š’ ๐š๐š’ ๐šŸ๐šŽ๐š๐š›๐š˜ ๐š›๐š’๐šŽ๐š–๐š™๐š’๐š๐š’ ๐š๐šŠ๐š•๐š•’๐š˜๐š›๐š›๐š˜๐š›๐šŽ ๐šŽ ๐š๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐š™๐šŠ๐šž๐š›๐šŠ.
๐™ณ๐šŠ๐š–๐š’๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š…๐šŠ๐š•๐šŽ๐š—๐š๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŸ๐šŽ๐š›๐šรฌ ๐šž๐š—๐šŠ ๐š๐š’๐š๐š๐šŠ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐š๐šŠ๐š–๐š‹๐šŠ. ๐™ธ๐š• ๐š๐š˜๐š•๐š˜๐š›๐šŽ ๐š›๐š’๐šœ๐šŠ๐š•รฌ ๐šŒ๐š˜๐š–๐šŽ ๐šž๐š— ๐š๐šž๐š–๐šŽ ๐š๐šŽ๐š๐š’๐š๐š˜ ๐š๐šŠ๐š• ๐š๐šŽ๐š–๐š˜๐š›๐šŽ ๐š๐š’๐š—๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐š™๐šŠ๐š—๐šŒ๐š’๐šŠ, ๐š๐š•๐š’ ๐š›๐š’๐šŽ๐š–๐š™รฌ ๐š•๐š˜ ๐šœ๐š๐š˜๐š–๐šŠ๐šŒ๐š˜ ๐šŽ ๐š•๐šž๐š’ ๐šŸ๐šŠ๐šŒ๐š’๐š•๐š•รฒ. ๐š‚๐š๐š›๐š’๐š—๐šœ๐šŽ ๐š•๐šŠ ๐š™๐š›๐šŽ๐šœ๐šŠ ๐šœ๐šž๐š• ๐š‹๐šŠ๐šœ๐š๐š˜๐š—๐šŽ ๐šŽ ๐š•๐šŽ ๐š—๐š˜๐šŒ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šœ๐š‹๐š’๐šŠ๐š—๐šŒ๐šŠ๐š›๐š˜๐š—๐š˜. ๐™ธ๐š• ๐š๐š•๐šŠ๐šœ๐š‘ ๐š๐š’ ๐šž๐š—๐šŠ ๐š›๐šŽ๐š๐š•๐šŽ๐šก ๐š’๐š•๐š•๐šž๐š–๐š’๐š—รฒ ๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š˜๐š›๐š๐šŽ๐šŒ๐šŒ๐š’๐šŠ ๐š•๐š’๐šŸ๐š’๐š๐šŠ ๐š๐šŽ๐š• ๐šœ๐šŠ๐š•๐š’๐šŒ๐šŽ. ๐™ธ ๐š›๐šŠ๐š–๐š’ ๐š—๐š˜๐š๐š˜๐šœ๐š’ ๐šŽ๐š–๐šŽ๐š›๐š๐šŽ๐šŸ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š›๐š˜๐šŸ๐š’๐š—๐šŽ ๐š๐š’ ๐šž๐š—๐šŠ ๐šŒ๐š˜๐šœ๐š๐š›๐šž๐šฃ๐š’๐š˜๐š—๐šŽ ๐š๐š’ ๐š™๐š’๐šŽ๐š๐š›๐šŠ. ๐™ป๐šŽ ๐š–๐šž๐š›๐šŠ ๐šŽ๐š›๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š—๐šŽ๐š›๐šŽ, ๐š๐š’๐šŸ๐š˜๐š›๐šŠ๐š๐šŽ ๐š๐šŠ ๐š–๐šž๐šœ๐šŒ๐š‘๐š’๐š˜ ๐šŽ ๐š›๐šŠ๐š–๐š™๐š’๐šŒ๐šŠ๐š—๐š๐š’, ๐š’๐š• ๐š๐šŽ๐š๐š๐š˜ ๐šœ๐š๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š๐š˜.
๐™ณ๐šŠ๐š–๐š’๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š˜๐šœ๐šœ๐šŽ๐š›๐šŸรฒ ๐š’ ๐š›๐šž๐š๐šŽ๐š›๐š’, ๐š™๐š˜๐š’ ๐šš๐šž๐šŽ๐š• ๐šŸ๐šŽ๐šŒ๐šŒ๐š‘๐š’๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š‹๐šŽ๐š›๐š˜ ๐š–๐šŠ๐š•๐šŽ๐š๐šŽ๐š๐š๐š˜, ๐šŽ ๐š›๐šŠ๐š‹๐š‹๐š›๐š’๐šŸ๐š’๐šรฌ. ๐™ถ๐š•๐š’ ๐šŽ๐š›๐šŠ ๐š๐š›๐šŽ๐š–๐šŠ๐š๐šŠ ๐š•๐šŠ ๐šŸ๐š˜๐šŒ๐šŽ ๐šš๐šž๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š’๐š• ๐šŒ๐š˜๐š–๐š–๐š’๐šœ๐šœ๐šŠ๐š›๐š’๐š˜ ๐™ณ๐šŽ ๐š…๐š’๐šŸ๐š˜ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š๐šŽ๐š•๐šŽ๐š๐š˜๐š—๐šŠ๐š๐š˜ ๐š™๐šŽ๐š› ๐šŠ๐šŸ๐šŸ๐š’๐šœ๐šŠ๐š›๐š•๐š˜. ๐™ฐ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐šŒ๐š‘๐š’๐šŽ๐šœ๐š๐š˜ ๐š๐š’ ๐š›๐š’๐š™๐šŽ๐š๐šŽ๐š›๐š๐š•๐š’ ๐š’๐š• ๐š™๐šž๐š—๐š๐š˜ ๐šŽ๐šœ๐šŠ๐š๐š๐š˜ ๐š’๐š— ๐šŒ๐šž๐š’ ๐š•’๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š›๐š’๐š๐š›๐š˜๐šŸ๐šŠ๐š๐šŠ, ๐š™๐šŽ๐š›๐šŒ๐š‘รฉ ๐š—๐š˜๐š— ๐š›๐š’๐šž๐šœ๐šŒ๐š’๐šŸ๐šŠ ๐šŠ ๐šŒ๐š›๐šŽ๐š๐šŽ๐š›๐šŒ๐š’.


- ๐˜ผ๐™ฃ๐™ฉ๐™ค๐™ฃ๐™ž๐™ค ๐™‡๐™–๐™ฃ๐™ฏ๐™š๐™ฉ๐™ฉ๐™–

sabato 6 luglio 2019

RECENSIONE | IL PICCOLO PRINCIPE... con occhi di bambino


TITOLO: Il Piccolo Principe

AUTORE: Antoine de Saint-Exupรฉry

EDITORE: Bompiani



SINOSSI: รจ la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchรจ si sentiva troppo solo lassรน: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano piรน", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro.


RECENSIONE


Aprire le pagine di questo racconto รจ come entrare in un incantesimo descritto con una grazia squisita. Per il Piccolo Principe si prova subito un profondo e commovente sentimento d'affetto.
La semplicitร  dell'innocenza, la sublime capacitร  di comprendere le cose con il cuore, l'amore per la rosa, per un fiore, per un amico, l'importanza di 'addomesticare' una volpe.
Traboccante di significati, รจ uno stimolo a ritornare bambini per poter vedere le cose con il cuore e il forte presentimento che, in questo modo, il mondo sarebbe piรน semplice e migliore.
Antoine De Saint-Exupรจry, ha creato un magnifico ed eterno racconto, adatto a tutte le etร  e per il quale le parole sembrano mai bastare.
L'immagine del piccolo principe รจ l'emblema dell'infanzia, lo stato di grazia ritrovato, cosรฌ possibile quando sarebbe impossibile. รˆ un paradosso affermare che il libro รจ destinato o era destinato ai bambini perchรฉ non รจ necessario che si insegnino a loro i valori autentici che noi adulti dimentichiamo negli atti quotidiani. Abbiamo bisogno di recuperarli ritornando piccini con la mente e il cuore.

Tanti critici hanno analizzato Il Piccolo Principe e hanno scritto fiumi di definizioni, parole difficili e interpretazioni tra le piรน disparate ma oltre la critica, la grandezza e il fascino di quest'opera รจ che attraversa il tempo e le generazioni mantenendo intatto il suo linguaggio, quando la logica della nostra ragione รจ incrinata e messa a dura prova da domande apparentemente ingenue e infantili.
Certe cose, con il passare del tempo, rimangono sepolte sotto strati di coperte che hanno il nome di societร , costume, ragione, abitudine, paura, formalitร  e pudore. E alle volte, gli strati, sono talmente tanti che si rischia di non capire piรน cosa c'รจ sotto. 
Allora arrivano i bambini ad aprirci gli occhi per mostrarci le cose per quello che sono realmente, con la loro visione ingenua e incondizionata.
Esiste una frase nel libro, eloquente:"I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta".
Sfogliare le pagine di questo racconto รจ come entrare in un incantesimo.

Sicuramente non รจ un libro adatto ad una lettura superficiale, perchรฉ si rischia di trovare una storia senza capo nรจ coda. Invece, dietro un'apparente storia banale si cela il segreto degli occhi dei bimbi che non velano d'ipocrisia ciรฒ che osservano ma descrivono con semplicitร  i controsensi dell'agire umano.
Cosรฌ un baobab puรฒ diventare il modo indiretto di parlare dell'educazione e dell'onestร  perchรจ il male รจ come i baobab, se non lo elimini quando รจ piccolo distruggerร  il pianeta.
Cosรฌ una volpe cela dietro di sรจ gli amici, i familiari e le persone care che in genere incontriamo nella vita e se le accogliamo ci prendiamo anche il dovere di accudirle e ne diventiamo responsabili. Insomma, un racconto adatto a tutte le etร  ma non per tutti, perchรฉ alcuni potrebbero vederci solo un serpente grasso e non ciรฒ che esso ha appena mangiato.



Il mio voto: 8



Enrico

venerdรฌ 5 luglio 2019

PREMIO STREGA 2019 | Vince Antonio Scurati con M. IL FIGLIO DEL SECOLO

Il piรน importante premio letterario italiano รจ stato assegnato nella serata di ieri, come vuole la tradizione, al Ninfeo di Villa Giulia a Roma.
La cerimonia รจ stata trasmessa in chiaro su Rai 3 a partire dalle 23:00 circa, per permettere a tutti di seguire minuto per minuto la diretta fino alla proclamazione del vincitore da parte della giuria.
L'ultimo conteggio, pochi minuti dopo la mezzanotte, ha sancito la vittoria di Antonio Scurati e del suo romanzo M. IL FIGLIO DEL SECOLO, edito da Bompiani e proposto dallo scrittore Francesco Piccolo.
Partito in sordina, ha guadagnato consensi in brevissimo tempo raggiungendo i 228 voti che gli hanno permesso di conquistare la LXXIII edizione del Premio Strega.
Il romanzo รจ uno dei piรน discussi degli ultimi mesi, fin dalla sua pubblicazione, per le tematiche trattate, oggetto di accesi confronti giornalistici e televisivi. E' infatti la narrazione dell'ascesa al potere di Benito Mussolini, dai suoi albori nel 1919 in cui fondรฒ il movimento dei Fasci Italiani per arrivare al discorso da cui cominciรฒ il periodo di dittatura, nel 1925. Un viaggio nella storia lungo 850 pagine, la prima tappa di una trilogia annunciata.

Antonio Scurati ha vinto su una cinquina di autori illustri del panorama italiano. Medaglia d'argento per Benedetta Cibrario con 127 voti e il suo Il rumore del mondo (Mondadori), mentre sul gradino piรน basso del podio รจ salito Marco Missiroli, 91 voti, con Fedeltร  (Einaudi). Quarto posto invece per Claudia Durastanti che ha ricevuto 63 voti per La straniera (La nave di Teseo) e infine Nadia Terranova con 47 voti per Addio fantasmi (Einaudi).

Per chi ancora non lo conoscesse, il Premio Strega viene assegnato ogni anno ad un autore o autrice che abbia pubblicato un libro di narrativa in Italia tra il primo aprile dell'anno precedente e il 31 marzo dell'anno in corso. I libri vengono proposti da uno scrittore e poi votati da una giuria composta da circa 600 persone che comprende anche i cosiddetti 400 'Amici della domenica' (giurati a vita).



IL ROMANZO VINCITORE

รˆ un romanzo, sรฌ, ma un romanzo in cui d'inventato non c'รจ nulla. Al contrario, ogni singolo accadimento, personaggio, dialogo o discorso รจ storicamente documentato o autorevolmente testimoniato da piรน di una fonte. รˆ la storia dell'Italia tra il 1919 e il 1925, dalla fondazione dei Fasci italiani di combattimento al delitto Matteotti, la storia di un Paese che si consegna alla dittatura, la storia di un uomo (M, il figlio del secolo) che rinasce molte volte dalle proprie ceneri. La storia della Storia che ci ha resi quello che siamo.


L'AUTORE

Nato a Napoli nel 1969, Antonio Scurati รจ docente di Letterature contemporanee presso la IULM di Milano, dove dirige il Master in Arti del Racconto. Per anni ha coordinato il Gruppo di Ricerca sui Linguaggi della Guerra e della Violenza dell'Universitร  di Bergamo. รˆ anche editorialista de 'La Stampa' e autore di numerosi saggi, tra i quali ricordiamo 'La letteratura dell'inesperienza' (Bompiani, 2006). Ha esordito nel 2002 con 'Il rumore sordo della battaglia' (premio Kihlgren, premio Fregene, premio Chianciano). Nel 2005, con 'Il sopravvissuto', ha vinto la XLIII edizione del premio Campiello e nel 2008, con 'Una storia romantica', il Mondello. Della sua vasta produzione, tradotta in molti paesi, ricordiamo 'Il bambino che sognava la fine del mondo' (2009), 'La seconda mezzanotte' (2011), 'Il padre infedele' (2013) e 'Il tempo migliore della nostra vita' (vincitore sia del premio Viareggio sia, di nuovo, del premio Selezione Campiello).




Enrico

martedรฌ 2 luglio 2019

Appuntamento in libreria #7 | Le uscite di luglio 2019

L'inizio del mese coincide sempre con le novitร  librose, un appuntamento fisso su metanfetaLibri per scoprire quello che ci attende tra gli scaffali delle nostre amate librerie.
Occasione in piรน, oggi, per scegliere cosa mettere in valigia per chi รจ in partenza per le meritate vacanze.
Buona scelta e buon a lettura!






NOTRE-DAME

Ken Follet

Mondadori
in uscita il 02 luglio

"L’immagine di Notre-Dame in fiamme mi ha stupefatto e sconvolto nel profondo. Un bene di inestimabile valore stava morendo davanti ai nostri occhi. รˆ stato spaventoso come se il suolo avesse cominciato a tremare sotto i nostri piedi".

Cosรฌ si esprime il grande scrittore all'indomani del tragico incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame la sera del 15 aprile scorso. Nel suo romanzo piรน famoso, I pilastri della terra, Ken Follett aveva descritto minuziosamente il rogo della cattedrale di Kingsbridge, come fosse una premonizione di quanto รจ accaduto a Parigi. In quel romanzo migliaia di uomini e donne erano giunti da diversi paesi per aiutare a ricostruire la cattedrale. Con questo breve scritto Ken Follett ha deciso di rendere omaggio a Notre-Dame, devolvendo i proventi alla Fondation du Patrimoine, raccontando come si รจ sentito quando ha assistito a questo disastro, e ripercorre i momenti storici salienti della vita della grande cattedrale che nei secoli ha esercitato una fascinazione universale, dalla sua costruzione durata quasi un secolo, all'influenza che ha avuto sul genio narrativo di Victor Hugo.






IL DESTINO DELL'ORSO

Dario Correnti

Mondadori
in uscita il 02 luglio


In una valle svizzera, un giorno di luglio, un industriale milanese viene sbranato vivo da un orso. Marco Besana, giornalista di nera con troppi anni di lavoro alle spalle e altrettanta disillusione addosso, รจ costretto controvoglia a occuparsi di quella strana morte. Sarebbe facile archiviare il caso come un incidente di montagna se Ilaria Piatti, giovanissima reporter, perennemente precaria, non fosse convinta di avere davanti un serial killer. Molto piรน feroce di qualunque animale. Ilaria e Marco, accompagnati dal cane Beck's, lasciano Milano e partono per l'Engadina. E lรฌ scoprono una catena di morti orribili e misteriose, tutte apparentemente accidentali: un uomo caduto in un crepaccio, uno carbonizzato nel suo aereo privato, un altro mummificato in un bosco. La sequenza non puรฒ essere casuale. Anche se la polizia locale non collabora e in redazione nessuno crede in loro, i due cronisti non si danno per vinti. Sono sicuri di avere di fronte un soggetto molto pericoloso, che uccide le sue vittime con armi non convenzionali, in modi originali e sofisticati. E sembra ispirarsi alla piรน famosa avvelenatrice seriale del Settecento, Giovanna Bonanno, conosciuta come la Vecchia dell'Aceto. Il racconto trascina il lettore in un labirinto di false piste e colpi di scena, ai piedi di splendide montagne che, impassibili e sinistre, osservano dall'alto le mosse di un assassino diabolico, sfuggente.







LA FELICITA' E' UN TE' CON TE

Mamen Sanchez

Sperling & Kupfer
in uscita il 02 luglio


Il giovane Atticus Craftsman, rampollo di una delle piรน importanti famiglie dell'industria editoriale inglese, รจ sparito. Suo padre lo aveva inviato in Spagna per rimediare alle perdite rovinose che la rivista Librarte stava causando al gruppo. Ma, a pochi giorni dal suo arrivo a Madrid, armato dell'inseparabile bollitore elettrico e ingenti quantitร  di tรจ, rigorosamente Earl Grey, di Atticus si รจ persa ogni traccia. Le ultime ad averlo visto in carne e ossa sono proprio le cinque donne impiegate nella rivista: la saggia e solitaria Berta, la dolce Gaby, la malinconica Asunciรณn, l'irrequieta Marรญa e la bella Soleรก. Su di loro comincia a indagare l'impacciato ispettore Manchego, che si trova costretto a fare i conti con cinque sospettate cosรฌ diverse tra loro, ma disposte a far qualsiasi cosa pur di salvare il proprio posto di lavoro. Tra risate, azione e colpi di scena, il destino della rivista Librarte e delle sue cinque impiegate sarร  quindi legato a doppio filo con quello del giovane Atticus. Un intricato garbuglio che attraverserร  le strette vie di Madrid per arrivare giรน fino al cuore bohรฉmien dell'Andalusia, e che potrร  risolversi solo grazie all'amore, all'amicizia e… al buon vecchio Hemingway.








LA FOLLIA MAZZARINO

Michel Bussi

Edizioni E/O
in uscita il 03 luglio


A sei anni il piccolo Colin Remy vive la tragedia della perdita di entrambi i genitori: la madre in un incidente stradale, il padre suicida in seguito allo scandalo che ha travolto il cantiere di scavi archeologici da lui diretto dopo un incidente che ha causato la morte di tre operai sull'isola anglo-normanna di Mornesey. Colin cresce con gli zii. Nel tempo, perรฒ, insieme a lui cresce il sospetto, e poi la convinzione, che il padre non sia davvero morto: Colin lo capisce da alcuni indizi, vecchie fotografie, parole scambiate a mezza bocca dagli zii. Finalmente, alla vigilia dei suoi sedici anni, con la scusa di frequentare un corso di vela decide di tornare sull'isola di Mornesey alla ricerca della sua infanzia e possibilmente del genitore scomparso. Un mondo nuovo gli si apre davanti. Scopre che il padre archeologo non si dedicava soltanto agli scavi e al restauro della vecchia abbazia di Saint-Antoine, ma era anche sulle tracce di un tesoro leggendario chiamato la Follia Mazzarino. Scopre che l'isola delle vacanze รจ in realtร  un'isola di criminali. Scopre che i parenti possono essere serpenti. Scopre infine di essere, suo malgrado, depositario di un segreto che quegli stessi criminali stanno affannosamente cercando. Aiutato da Madi, graziosa sedicenne borderline, e Armand, l'amico gracile con quoziente d'intelligenza 140, Colin spazia dalla superficie dell'oceano ai labirintici sotterranei dell'isola alla ricerca in realtร  di un doppio tesoro, cioรจ suo padre e la Follia Mazzarino, inseguito da malfattori senza scrupoli decisi a carpirgli il suo misterioso segreto a costo di fargli la pelle.








IL GIARDINO DEI MOSTRI

Lorenza Pieri

Edizioni E/O
in uscita il 03 luglio

Siamo tra il 1987 e il 1990, in un paese della maremma toscana troppo famoso per essere citato. Le vicende di due famiglie, una locale di allevatori di cavalli, i Biagini, e una romana altoborghese, i Sanfilippi, si intrecciano, mentre il luogo in cui si incontrano diventa il teatro perfetto della messa in scena dei cambiamenti che avvengono in Italia. Cosรฌ l'amicizia tra Sauro, un buttero ambizioso e Filippo, un politico edonista, una volta diventati anche soci in affari, porterร  anche gli altri membri delle loro famiglie a legarsi o a scontrarsi. Nel paese, dove a prima vista si assiste a una diffusione ubriacante di denaro e allegria, le certezze su cui si era sempre contato, le fedi politiche, i legami familiari, il rigore morale, l'identitร  sessuale, sembrano dissolversi e perdere i contorni nitidi. Sauro e Filippo, le loro mogli Miriam e Giulia si fanno rivelatori di un'umanitร  debole, apparentemente magnanima ma spesso meschina, in mezzo alla quale, la creatura piรน fragile, Annamaria, che ha quindici anni e parecchi complessi, fatica a trovare il suo posto, soprattutto nel confronto con la bella e spigliata Lisa della quale desidera attenzioni e affetto, ricevendoli in un modo assai ambiguo. Ma c'รจ un mondo parallelo che nello stesso periodo sta prendendo forma. รˆ il Giardino dei Tarocchi dell’artista franco-americana Niki de Saint Phalle. Un luogo magico, a cui Annamaria si avvicinerร  a poco a poco, e nel quale l'artista la lascerร  entrare, dandole accesso al racconto della sua stessa vita, tramite il quale la ragazzina imparerร  tutte le lezioni che nessuno ha mai saputo darle.







NIENTE E' FUORI POSTO

Joanna Nadin

Garzanti
in uscita il 04 luglio


Dido ha solo sei anni, ma รจ molto curiosa. Seduta su un ramo di melo nel suo giardino, scorge la casa accanto e non puรฒ fare altro che sbirciare. Ed รจ lรฌ che vede per la prima volta Tom e Harry, due bambini come lei. Qualcosa che non sa spiegarsi, da quel giorno, la spinge a continuare a spiarli. รˆ allora che Dido scopre la quotidianitร  della loro famiglia: due genitori che si amano, due fratelli che giocano, un tavolo intorno al quale sedersi insieme per la cena. Sembra che nulla sia fuori posto: รจ proprio la vita che ha sempre desiderato, ma che non le appartiene. Perchรฉ sua madre ha un modo tutto suo di dimostrarle il proprio amore. Per lei non ci sono regole, non ci sono cose giuste o sbagliate da fare. Dido รจ ancora troppo piccola per capirlo e non ha neppure il conforto di una figura paterna, visto che non ha mai conosciuto suo padre. Cosรฌ, decide che Tom e Harry saranno i suoi migliori amici e i genitori dei due le figure di riferimento che non ha mai avuto. Qualcosa di molto forte la unisce a loro e, con il passare del tempo, si sente sempre piรน parte di quel nucleo, allontanandosi progressivamente dalla madre, che fatica a comprenderla. Ma, anno dopo anno, Dido impara che anche il rifugio piรน sicuro, quando si cresce, diventa fragile e troppo piccolo per offrire la medesima protezione. Impara che anche i legami, in apparenza perfetti, nascondono tradimenti, bugie, veritร  inascoltate. E che, a volte, l’amore vero รจ proprio dove non sembra essercene, dove non lo si รจ mai cercato. Perchรฉ รจ piรน facile restare affascinati da una realtร  sconosciuta che accettare la bellezza di quello che si possiede.








COME MANTENERE UN SEGRETO

Sarah Morgan

HarperCollins
in uscita il 04 luglio


Da ragazzine Lauren e Jenna erano unite come solo due sorelle possono esserlo e la loro vita nell'incantevole Martha’'s Vineyard era perfetta. Erano convinte che niente e nessuno avrebbe potuto separarle, finchรฉ non hanno dovuto condividere un terribile segreto, e la reciproca promessa di non rivelare mai l’accaduto alla loro madre, Nancy, ha finito per allontanarle sempre di piรน. Lauren si รจ trasferita in Inghilterra, si รจ sposata con un uomo meraviglioso, e il suo unico problema รจ che la loro figlia, Mackenzie, ultimamente sembra arrabbiata con il mondo. Tutto sembra andare per il meglio, se non fosse che la sua vita all'improvviso si rivela un fragile, fragilissimo castello di carte. Jenna, che รจ rimasta sull'isola insieme alla madre, non desidera altro che costruire una famiglia insieme al marito, ma inizia a temere che questo possa non accadere mai. Eppure, anche se ha il cuore a pezzi, รจ decisa a stamparsi in faccia un bel sorriso e a fingere che tutto vada bene. Nancy, per parte sua, sa di non essere stata la madre migliore per le sue figlie, ma come puรฒ spiegare a Lauren e Jenna il perchรฉ? Negli ultimi tempi, perรฒ, il segreto che custodisce da tanti, troppi anni le pesa sul cuore come un macigno. Poi, in un attimo, la loro vita cambia, e le quattro donne si ritrovano a vivere di nuovo insieme a Martha's Vineyard. Qui, nonostante le differenze, devono reimparare a essere una famiglia, e anche se svelare i propri segreti puรฒ essere una sfida durissima, alla fine ne sarร  valsa la pena.








JALNA

Mazo De La Roche

Fazi
in uscita il 04 luglio


I Whiteoak, numerosa famiglia di origini inglesi, risiedono a Jalna, grande tenuta nell'Ontario che deve il suo nome alla cittร  indiana dove i due capostipiti, il capitano Philip Whiteoak e la moglie Adeline, si sono conosciuti. Molto tempo รจ trascorso da quel fatidico primo incontro. Oggi – siamo negli anni Venti – l'indomita Adeline, ormai nonna e vedova, tiene le fila di tutta la famiglia mentre aspetta con ansia di festeggiare il suo centesimo compleanno insieme a figli e nipoti: a partire dal piccolo Wakefield, scaltro come pochi, infallibile nell'escogitare trucchi per non studiare e sgraffignare fette di torta, fino al maggiore, Renny, il capofamiglia, grande seduttore che nasconde un animo sensibile. La vita a Jalna scorre tranquilla, fino a quando due nuore appena acquisite arrivano a scombussolarne gli equilibri: la giovanissima Pheasant, figlia illegittima del vicino, il cui ingresso in famiglia รจ accolto come un oltraggio, e la deliziosa Alayne, americana in carriera che, al contrario, con la sua grazia ammalierร  tutti, specialmente gli uomini di casa.








SORELLE

Bernard Minier
La Nave di Teseo
in uscita il 04 luglio

Maggio 1993. I corpi di Alice e Ambre, due sorelle poco piรน che ventenni, vengono ritrovati senza vita sulle rive della Garonna. Vestite come due comunicande, e legate al tronco di due alberi, sembrano guardare l'una negli occhi dell'altra. Il giovane Martin Servaz, che ha appena finito il suo apprendistato presso la polizia giudiziaria di Tolosa, partecipa alla sua prima indagine che conduce a Erik Lang, celebre scrittore di gialli dai toni foschi e inquietanti. Le due sorelle non erano forse sue fan? Uno dei suoi libri piรน di successo non si intitola La Comunicanda? Ma l'indagine viene chiusa grazie a una svolta inattesa: mentre le indagini si concentrano sulla vita dello scrittore e sul rapporto che le due ragazze uccise avevano con lui, un compagno di scuola di Alice e Ambre viene trovato impiccato, suicida, con una lettera in cui rivendica l'omicidio delle due sorelle. Febbraio 2018. In una notte glaciale, la moglie di Erik Lang viene assassinata in modo spietato. Anche il suo cadavere รจ vestito da comunicanda. Venticinque anni dopo il doppio omicidio, Martin Servaz รจ di nuovo coinvolto nella vita dello scrittore. E questo nuovo caso riapre l'omicidio di Alice e Ambre del 1993.







CUORE DI LUPO

Mathilde Bonetti

Piemme
in uscita il 09 luglio


L'auto su cui sta viaggiando Tinebra insieme ai suoi genitori frena bruscamente sulla neve: in mezzo alla strada, tre ragazzi hanno catturato una lupa e la stanno picchiando. Due riescono a fuggire, ma il terzo rimane impigliato tra gli alberi del bosco. Il suo nome รจ Max e ancora non sa che la famiglia di Tinebra si sta trasferendo sugli Appennini, nel piccolo paese di Borgovieto, per dirigere il centro per la salvaguardia dei lupi. Da quel momento Tinebra si convince che Max sia colpevole. E quando se lo ritrova al rifugio dei lupi, obbligato a prestare servizio sociale, va su tutte le furie, perchรฉ non puรฒ accettare che Max non sia stato punito piรน duramente. Intanto, grazie alle cure del veterinario e all'amore di Tinebra, la lupa inizia a stare meglio, ma i problemi non sono finiti: a quanto pare, tutto il paese crede che i lupi siano una minaccia e si schiera contro il progetto del centro. Ma le apparenze ingannano e presto Tinebra dovrร  ammettere di essersi sbagliata su molte cose, prima di tutto su Max.








QUELLO CHE NON SIAMO DIVENTATI

Tommaso Fusari

Mondadori
in uscita il 09 luglio

Una promessa fatta da bambini, calda e rassicurante come una carezza, come un abbraccio quando fuori fa tanto, tanto freddo. Un fratello e una sorella, Michael e Sara, che una volta erano inseparabili e ora sono quasi due estranei, due che, pur abitando sotto lo stesso tetto, si sfiorano appena. E, nel mezzo, la vita, fatta di momenti belli ma anche brutti, momenti in cui tutto puรฒ andare avanti, oppure puรฒ interrompersi bruscamente. Momenti che arrivano inaspettati per dirti che tutto deve cambiare. Anche se non vuoi, anche se non sei pronto. E a quel punto, poco importa come, tu devi trovare un modo per andare avanti. E questo hanno fatto Sara e Michael. Ognuno per conto proprio, perรฒ. Lei attenta a non far trapelare il dolore che le si appiccica alle ossa, agli occhi, ai battiti cardiaci e che le fa mancare l’aria, e a controllare sempre tutto, a non lasciarsi sfuggire niente, in un ingenuo tentativo di tenere ogni cosa in equilibrio. Lui in balia di ciรฒ che accade, senza trovare mai la forza di avere un orientamento, col cuore imbottito di hashish e la testa di sogni infranti. Entrambi sempre piรน estranei, e lontani l'uno dal cuore dell'altra. Ma a un certo punto perรฒ qualcosa, o meglio qualcuno, irrompe nella loro vita facendo vacillare il loro piccolo mondo cristallizzato, fatto di giorni sempre uguali, silenzi, muti rimproveri, possibilitร  sospese, distanze che diventano siderali e ricordi sbiaditi. Di nuovo, Michael e Sara sono di fronte a qualcosa che potrebbe stravolgere la loro esistenza. E se soltanto smettessero di vivere ogni cambiamento come una crepa dalla quale possono entrare solo cose brutte, forse potrebbero riprendere il cammino interrotto tanti anni prima, trovare il modo di tornare a respirare, a credere nel futuro, e, magari, infine, ritrovarsi.







ODIO VOLARE. 17 STORIE TURBOLENTE

Stephen King, Bev Vincent
Sperling & Kupfer
in uscita il 09 luglio

Ed essendo horror, naturalmente raccontano tutto quello che di orribile puรฒ succedere quando sei sospeso in aria a diecimila metri di altezza, chiuso in una scatola di metallo (e il riferimento non รจ per niente casuale) che sfreccia a piรน di 800 chilometri l'ora, insieme a decine di sconosciuti che potrebbero fare qualunque cosa. King, che sicuramente non ama viaggiare in aereo, ha fornito il suo personale contributo al volume aggiungendovi un'introduzione, le note a ogni storia e soprattutto il racconto originale L'esperto di turbolenze. Inoltre ha reclutato Joe Hill che ha scritto Siete liberi, altra storia ad hoc completamente inedita. Il resto del libro contiene un mix di storie nuove e giร  pubblicate di autori famosi e meno noti, tra cui Sir Arthur Conan Doyle, Richard Matheson, Ambrose Bierce, Dan Simmons, Ray Bradbury, e altri ancora.







BLUE FLAMINGOS. NATI PER ESSERE UNICI

Cate Gattullo

Mondadori
in uscita il 09 luglio

Ci sono storie d'amore che piรน di altre riescono a farci sognare. Certe storie d'amore sono semplicemente destinate a far palpitare i nostri cuori e a far veleggiare la nostra fantasia verso mondi lontani. Quella di Holden e Kristin, lui cantante, lei top model, รจ proprio una storia di questo tipo. Dopo tutto come potrebbe essere diversamente? Entrambi giovanissimi, bellissimi e baciati da uno straordinario successo, sono due creature speciali, uniche. E si sa, le persone speciali spesso si attraggono ed entrano fatalmente l'uno nell'orbita dell'altra. รˆ scritto nel loro destino, รจ inevitabile. Ma questa loro natura รจ anche la loro condanna, perchรฉ due come loro, che lo vogliano o meno, hanno gli occhi di tutti puntati addosso. A Holden e Kristin non รจ concesso vivere nulla da "normali ventenni", men che meno la passione magica e incontenibile che si accende non appena le loro traiettorie si intersecano. Perchรฉ fin da subito, inevitabilmente, anche la loro storia finisce sotto i riflettori, come ogni altro minuto dettaglio della loro esistenza. Eppure nessuno dei due, pur tra dubbi e ripensamenti, รจ davvero disposto a rinunciarvi. Come potrebbero privarsi di emozioni tanto forti? Cosรฌ, muovendosi in un mondo super glam popolato di modelle, stylist e cantanti famosi, amici fidati e complici, famigliari eccentrici e invadenti, Holden e Kristin cercheranno di dare una possibilitร  al loro amore, tra serate in locali esclusivi, fughe romantiche in luoghi inaspettati, e notti infuocate sotto cieli pieni di stelle.







DOPO L'ONDA

Sandrine Collette

Edizioni E/O
in uscita il 10 luglio

Su una di queste isole tagliate fuori dal mondo sorge la casa di padre, madre e nove figli, una tribรน unita e chiassosa che si ritrova a dover lottare per la sopravvivenza in condizioni estreme. Ma le acque continuano a salire, sia pure lentamente. Finiranno per inghiottire la casa, e loro non hanno altra scelta che andarsene. Hanno una barca, ma non c'รจ posto per tutti, cosรฌ il padre decide di abbandonare tre figli sull'isola, portare in salvo gli altri e poi tornare a prenderli. Il viaggio si rivela un’odissea fatta di tempeste improvvise, mostri marini, pericoli, fame e sete. Dopo tragiche peripezie riescono finalmente a raggiungere le terre alte, ma vengono informati che l'isolotto sul quale avevano lasciato tre figli non esiste piรน, รจ stato completamente sommerso. La madre impazzisce, ruba una barca per andare a vedere con i suoi occhi quel che non c’รจ piรน. Nel frattempo i tre figli rimasti sull'isola vedono l’acqua salire con spietata costanza, ne misurano ogni giorno l'avanzata, si ritirano sempre piรน in alto nella speranza che il padre venga a riprenderli, ma non hanno quasi piรน cibo, l'isola continua a essere spazzata dalle tempeste e nessuno appare all'orizzonte per salvarli, tranne un assassino ben determinato a portarsi via le loro ultime provviste e lasciarli affogare come topi.







RED GIRLS

Kazuki Sakuraba

Edizioni E/O
in uscita il 17 luglio


Manyo, un'orfana nata con l'abilitร  di profetizzare come una novella Cassandra, viene adottata dalla ricca e potente famiglia Akakuchiba e ne sposa in seguito l'erede. Nel corso della sua vita avventurosa non rivelerร  mai le sue predizioni sul futuro, inclusa quella della prematura morte del suo primo figlio. La figlia di Manyo, Kemari, trascorre la sua giovinezza ribelle insieme a una gang di motociclisti, sempre in sella, per diventare un’artista comica amata da tutto il Giappone e la nipote, Toko, si sente un'inutile giovane donna, ma si impegna a risolvere il mistero delle ultime parole pronunciate da Manyo in punto di morte: "Sono un’assassina". Nel cinquantennio di drastici cambiamenti che ha coinvolto il Giappone a partire dal dopoguerra e attraverso la Guerra Fredda, dalla fase della bolla economica fino al Ventunesimo secolo, il destino degli Akakuchiba ha alti e bassi, e cosรฌ anche quello delle donne della famiglia.








L'APPESO DI CONAKRY

Jean-Christophe Rufin

Edizioni E/O
in uscita il 17 luglio


Com'รจ possibile che Aurel Timescu, con il suo accento rumeno e la sua aria da anni Trenta, sia Console di Francia? Eppure รจ cosรฌ, anche se nella diplomazia transalpina ricopre ruoli subalterni e viene assegnato a incarichi di second'ordine. Questa volta รจ in piena Africa, piรน precisamente in Guinea, lui che odia il caldo. Prova a resistere, suda, di notte beve Tocai e suona il piano. Fino al giorno in cui avviene finalmente l’unica cosa che puรฒ ancora appassionarlo: un delitto senza spiegazione apparente. Viene ritrovato un ricco turista bianco appeso all'albero maestro del suo yacht. Morto. La polizia locale e le autoritร  diplomatiche francesi brancolano nel buio. Ma Aurel, lo strano Console, avvia la sua indagine personale. Vestito con il suo cappottone invernale nonostante i quaranta gradi all'ombra, ispirato dalle sue notti di alcol e di musica, si lancia senza paura in un'avventura che lo porterร  dai bassifondi africani alle vette della finanza internazionale.







Enrico

lunedรฌ 1 luglio 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ• | ๐•Šโ„๐•€โ„•๐•€โ„•๐”พ ๐••๐•š ๐•Š๐•ฅ๐•–๐•ก๐•™๐•–๐•Ÿ ๐•‚๐•š๐•Ÿ๐•˜


๐™น๐šŠ๐šŒ๐š” ๐šƒ๐š˜๐š›๐š›๐šŠ๐š—๐šŒ๐šŽ ๐š™๐šŽ๐š—๐šœรฒ: ๐™ฟ๐š’๐šŒ๐šŒ๐š˜๐š•๐š˜ ๐šœ๐š๐š›๐š˜๐š—๐šฃ๐š˜ ๐š’๐š—๐š๐š›๐š’๐š๐šŠ๐š—๐š๐šŽ. 
๐š„๐š•๐š•๐š–๐šŠ๐š— ๐šŽ๐š›๐šŠ ๐šŠ๐š•๐š๐š˜ ๐š™๐š˜๐šŒ๐š˜ ๐š™๐š’รน ๐š๐š’ ๐šž๐š— ๐š–๐šŽ๐š๐š›๐š˜ ๐šŽ ๐šœ๐šŽ๐šœ๐šœ๐šŠ๐š—๐š๐šŠ, ๐šŽ ๐šš๐šž๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šœ๐š’ ๐š–๐šž๐š˜๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š•๐šŠ ๐š›๐šŠ๐š™๐š’๐š๐š’๐šร  ๐šœ๐šŒ๐šŠ๐š๐š๐šŠ๐š—๐š๐šŽ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šœ๐šŽ๐š–๐š‹๐š›๐šŠ ๐šŽ๐šœ๐šœ๐šŽ๐š›๐šŽ ๐š™๐šŽ๐šŒ๐šž๐š•๐š’๐šŠ๐š›๐šŽ ๐šŠ ๐š๐šž๐š๐š๐š’ ๐š๐š•๐š’ ๐š˜๐š–๐šŽ๐š๐š๐š’ ๐š๐š›๐šŠ๐šœ๐šœ๐š˜๐šŒ๐šŒ๐š’. ๐™ฐ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š’ ๐šŒ๐šŠ๐š™๐šŽ๐š•๐š•๐š’ ๐šœ๐š™๐šŠ๐š›๐š๐š’๐š๐š’ ๐š๐šŠ ๐šž๐š—๐šŠ ๐šœ๐šŒ๐š›๐š’๐š–๐š’๐š—๐šŠ๐š๐šž๐š›๐šŠ ๐š’๐š–๐š™๐šŽ๐šŒ๐šŒ๐šŠ๐š‹๐š’๐š•๐šŽ, ๐šŽ ๐š’๐š• ๐šŒ๐š˜๐š–๐š™๐š•๐šŽ๐š๐š˜ ๐šœ๐šŒ๐šž๐š›๐š˜ ๐šŽ๐š›๐šŠ ๐šœ๐š˜๐š‹๐š›๐š’๐š˜, ๐š–๐šŠ ๐šœ๐šŽ๐šŸ๐šŽ๐š›๐š˜. ๐š‚๐š˜๐š—๐š˜ ๐šž๐š— ๐šž๐š˜๐š–๐š˜ ๐šŠ๐š• ๐šš๐šž๐šŠ๐š•๐šŽ ๐š™๐š˜๐š๐šŽ๐š๐šŽ ๐š๐š›๐šŠ๐š—๐šš๐šž๐š’๐š•๐š•๐šŠ๐š–๐šŽ๐š—๐š๐šŽ ๐šŽ๐šœ๐š™๐š˜๐š›๐š›๐šŽ ๐š’ ๐šŸ๐š˜๐šœ๐š๐š›๐š’ ๐š™๐š›๐š˜๐š‹๐š•๐šŽ๐š–๐š’, ๐š๐š’๐šŒ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐šš๐šž๐šŽ๐š• ๐šŒ๐š˜๐š–๐š™๐š•๐šŽ๐š๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š•๐š’๐šŽ๐š—๐š๐šŽ๐š•๐šŠ ๐šœ๐š˜๐š•๐šŸ๐šŽ๐š—๐š๐šŽ.


- ๐™Ž๐™ฉ๐™š๐™ฅ๐™๐™š๐™ฃ ๐™†๐™ž๐™ฃ๐™œ



lunedรฌ 24 giugno 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ” | ๐•ƒ๐”ผ โ„•๐•†๐•‹๐•‹๐•€ ๐”ป๐•€ ๐•Š๐”ธ๐•ƒ๐”ผ๐•„ ๐••๐•š ๐•Š๐•ฅ๐•–๐•ก๐•™๐•–๐•Ÿ ๐•‚๐•š๐•Ÿ๐•˜


๐š€๐šž๐šŠ๐šœ๐š’ ๐š๐šž๐š๐š๐š’ ๐š™๐šŽ๐š—๐šœ๐šŠ๐šŸ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š•’๐šž๐š˜๐š–๐š˜ ๐šŽ ๐š’๐š• ๐š›๐šŠ๐š๐šŠ๐šฃ๐šฃ๐š˜ ๐š๐š˜๐šœ๐šœ๐šŽ๐š›๐š˜ ๐š™๐šŠ๐š๐š›๐šŽ ๐šŽ ๐š๐š’๐š๐š•๐š’๐š˜.
๐™ฐ๐š๐š๐š›๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐š›๐šœ๐šŠ๐šŸ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š’๐š• ๐š™๐šŠ๐šŽ๐šœ๐šŽ ๐š๐š’๐š›๐šŽ๐š๐š๐š’ ๐šŠ ๐šœ๐šž๐š๐š˜๐šŸ๐šŽ๐šœ๐š ๐šœ๐šž ๐šž๐š—๐šŠ ๐šŸ๐šŽ๐šŒ๐šŒ๐š‘๐š’๐šŠ ๐™ฒ๐š’๐š๐š›๐š˜รซ๐š—, ๐š๐šŽ๐š—๐šŽ๐š—๐š๐š˜๐šœ๐š’ ๐šœ๐šž๐š•๐š•๐šŽ ๐šœ๐š๐š›๐šŠ๐š๐šŽ ๐šœ๐šŽ๐šŒ๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š›๐š’๐šŽ, ๐šœ๐š˜๐šœ๐š๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šœ๐š™๐šŽ๐šœ๐šœ๐š˜. ๐š‚๐š’ ๐š๐šŽ๐š›๐š–๐šŠ๐š›๐š˜๐š—๐š˜ ๐š’๐š— ๐š๐š›๐šŽ ๐š•๐šž๐š˜๐š๐š‘๐š’ ๐š™๐š›๐š’๐š–๐šŠ ๐š๐š’ ๐š๐š’๐šž๐š—๐š๐šŽ๐š›๐šŽ ๐šŠ ๐š๐šŽ๐šœ๐š๐š’๐š—๐šŠ๐šฃ๐š’๐š˜๐š—๐šŽ; ๐š•๐šŠ ๐š™๐š›๐š’๐š–๐šŠ ๐šŸ๐š˜๐š•๐š๐šŠ ๐š—๐šŽ๐š• ๐š๐š‘๐š˜๐š๐šŽ ๐™ธ๐šœ๐š•๐šŠ๐š—๐š, ๐š๐š˜๐šŸ๐šŽ ๐š•’๐šž๐š˜๐š–๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š๐š˜ ๐šŒ๐š˜๐š’ ๐šŒ๐šŠ๐š™๐šŽ๐š•๐š•๐š’ ๐š—๐šŽ๐š›๐š’ ๐š•๐šŠ๐šŸ๐š˜๐š›รฒ ๐š’๐š— ๐šž๐š—๐šŠ ๐š๐šŠ๐š‹๐š‹๐š›๐š’๐šŒ๐šŠ ๐š๐šŽ๐šœ๐šœ๐š’๐š•๐šŽ; ๐šš๐šž๐š’๐š—๐š๐š’ ๐šŠ ๐šˆ๐š˜๐šž๐š—๐š๐šœ๐š๐š˜๐š ๐š—, ๐š—๐šŽ๐š•๐š•’๐™พ๐š‘๐š’๐š˜, ๐š๐š˜๐šŸ๐šŽ ๐š™๐šŠ๐šœ๐šœรฒ ๐š๐š›๐šŽ ๐š–๐šŽ๐šœ๐š’ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ๐šŠ๐š๐šŽ๐š—๐šŠ ๐š๐š’ ๐š–๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š๐š๐š’๐š˜ ๐š’๐šž๐š—๐šŠ ๐š๐šŠ๐š‹๐š‹๐š›๐š’๐šŒ๐šŠ ๐š๐š’ ๐š๐š›๐šŠ๐š๐š๐š˜๐š›๐š’; ๐šŽ ๐š’๐š—๐š๐š’๐š—๐šŽ ๐š’๐š— ๐šž๐š—๐šŠ ๐š™๐š’๐šŒ๐šŒ๐š˜๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š’๐š๐šร  ๐šŒ๐šŠ๐š•๐š’๐š๐š˜๐š›๐š—๐š’๐šŠ๐š—๐šŠ ๐šŸ๐š’๐šŒ๐š’๐š—๐šŠ ๐šŠ๐š• ๐šŒ๐š˜๐š—๐š๐š’๐š—๐šŽ ๐šŒ๐š˜๐š— ๐š’๐š• ๐™ผ๐šŽ๐šœ๐šœ๐š’๐šŒ๐š˜, ๐š๐š˜๐šŸ๐šŽ ๐š๐šŽ๐šŒ๐šŽ ๐š’๐š• ๐š‹๐šŽ๐š—๐šฃ๐š’๐š—๐šŠ๐š’๐š˜ ๐šŽ ๐šœ๐š’ ๐š–๐š’๐šœ๐šŽ ๐šŠ ๐š›๐š’๐š™๐šŠ๐š›๐šŠ๐š›๐šŽ ๐š•๐šŽ ๐š™๐š’๐šŒ๐šŒ๐š˜๐š•๐šŽ ๐šŠ๐šž๐š๐š˜ ๐šŽ๐šž๐š›๐š˜๐š™๐šŽ๐šŽ ๐šŒ๐š˜๐š— ๐šž๐š— ๐šœ๐šž๐šŒ๐šŒ๐šŽ๐šœ๐šœ๐š˜ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š๐š•๐š’ ๐š›๐š’๐šž๐šœ๐šŒรฌ ๐š๐šŽ๐š• ๐š๐šž๐š๐š๐š˜ ๐š’๐š–๐š™๐š›๐šŽ๐šŸ๐š’๐šœ๐š๐š˜ ๐šŽ ๐š๐š›๐šŠ๐š๐š’๐š๐š˜.


- ๐™Ž๐™ฉ๐™š๐™ฅ๐™๐™š๐™ฃ ๐™†๐™ž๐™ฃ๐™œ


sabato 22 giugno 2019

RECENSIONE | FAHRENHEIT 451... ideali al rogo


TITOLO: Fahrenheit 451

AUTORE: Ray Bradbury 

EDITORE: Mondadori



SINOSSI: Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anzichรฉ essere spenti, vengono appiccati. Armati di lunghi lanciafiamme, i militi irrompono nelle case dei sovversivi che conservano libri o altra carta stampata e li bruciano: cosรฌ vuole la legge. Ma Montag non รจ felice della sua esistenza alienata, tra giganteschi schermi televisivi e slogan, con una moglie indifferente e passiva e un lavoro che svolge per pura e semplice routine. Finchรฉ un giorno, dall'incontro con una donna sconosciuta, nasce un sentimento impensabile, e per Montag il pompiere, inizia la scoperta di un mondo diverso da quello in cui รจ sempre vissuto, un universo di luce non ancora offuscata dalle tenebre della societร  tecnologica imperante.


RECENSIONE 


Un romanzo di fantascienza che descrive un ipotetico mondo futuro in cui il potere รจ amministrato mediante un'unica e semplice regola: il divieto di leggere e possedere libri. A garantirne l'applicazione, un efficiente corpo di 'vigili del fuoco-incendiari' che non disdegnano violenza e omicidio pur di rispettare la propria missione. 
Nessuno si fa domande. L'intera popolazione vive attorniata da personaggi televisivi a grandezza naturale che scambiano per la propria famiglia e, pur di non rimanere da soli con i propri pensieri, hanno sempre auricolari ronzanti nelle orecchie. E' quindi con il divertimento che, di fatto, gli uomini sono ridotti ad automi, fantocci non-pensanti, superficiali, non piรน in grado nemmeno di distinguere il confine tra realtร  e finzione.
Un romanzo che sconcerta perchรฉ assomiglia drammaticamente alla realtร  che ci circonda in cui i libri non si leggono e sono sostituiti da divertimenti di piรน facile consumo, non cosรฌ dissimili da quelli del nuovo millennio. Che Ray Bradbury l'abbia predetto nel 1953 non puรฒ che essere una genialitร .

I libri, l'informazione, la cultura, sono al bando. Di conseguenza sono bandite le riflessioni, il pensiero e la mente. Gli uomini sono dei gusci vuoti. "Se non rifletti, se non ti soffermi sui problemi, se li ignori, non puoi essere che felice! Divertiti! Puoi avere 4 pareti TV, un'esperienza interattiva unica! Di cos'altro puoi aver bisogno?", sembra dire la societร  distopica di Fahrenheit 451. I 'protettori dell'uomo dalla cultura' sono i militi del fuoco, una sorta di pompieri che invece di spegnere gli incendi sono pagati per appiccarli: distruttori dei libri, quindi distruttori della mente. Guy Montag, il protagonista, รจ uno di loro. Ma il fuoco che usa per bruciare i libri presto gli arderร  dentro, acceso da Clarisse, ragazzina riflessiva ed aperta al mondo, come piรน nessuno in quella societร  dove ognuno pensa a sรจ stesso. Lo svago senza sosta, imposto dalla societร , dovrebbe rendere felice Montag. Ma lui รจ infelice. Il fuoco interiore ormai lo consuma e lo travolge.
Perchรฉ ogni giorno deve affidare al fuoco quelle pagine? Perchรฉ tante persone sono disposte a bruciare con esse? Gli avevano sempre detto che i libri non contengono nulla fuorchรฉ sciocchezze. Tutto questo lo divorerร , portandolo a scontrarsi con la vita, con sua moglie, con il suo lavoro e contro ciรฒ che egli stesso era stato fino ad allora.

Diciamo la veritร : i libri ci aprono gli occhi sulla realtร , per questo la societร  vuole distruggerli. Essa ha bisogno di persone che non si impiccino, perciรฒ li incita a vivere in una felicitร  che tale non รจ. I ribelli, come Montag, sanno che la mente e la cultura dovranno tornare a nuova vita ma fino ad allora vivranno nell'ombra con essi. Serberanno dentro di sรจ un libro, in attesa che questi possano tornare a illuminare la vita dell'uomo.
Una denuncia semplice e diretta, descritta con stile freddo e scarno che, talvolta, indispone, suscitando pensieri di abbandono. Le descrizioni dei luoghi e degli ambienti sono ridotte a mere indicazioni per sorreggere la trama, senza arricchimenti o spazialitร . Un imprecisato futuro dove i libri sono stati messi al bando, come tutta la cultura in genere. La televisione governativa รจ usata ossessivamente per definire le regole sociali e guida una popolazione passiva, ormai quasi incapace di pensare.

Fahrenheit 451 รจ il miglior esempio di manipolazione delle massa ad opera non solo della politica ma dei media e del potere economico. Un romanzo attualissimo e profetico che andrebbe letto e ripensato per evitare che l'umanitร  sprofondi ancora di piรน nell'uniformitร  della bruttura spirituale. 
Un godibile romanzo di fantascienza, capace di commuove e stimolare riflessioni. Bradbury predilige uno stile che alterna il discorso diretto alle riflessioni personali di Montag, con pause legate alle sequenze riflessive che non appesantiscono una lettura gradevole. I flussi di coscienza del protagonista contribuiscono a rendere alcuni momenti del racconto quasi claustrofobici e invitano il lettore ad un'amara riflessione: se il futuro che ci aspetta fosse davvero quello? Conserviamo un libro nella mente e nel cuore per salvaguardarlo? Sicuramente si, perchรฉ ci sono libri che ci ardono dentro con la potenza di mille soli.



Il mio voto: 5



Enrico

lunedรฌ 17 giugno 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ“ | ๐•ƒ'๐•†๐•„๐”นโ„๐”ธ ๐”ป๐”ผ๐•ƒ โ„‚๐•†๐•๐•†๐•‹๐”ผ ๐••๐•š ๐•„๐•š๐•”๐•™๐•’๐•–๐• โ„‚๐• ๐•Ÿ๐•Ÿ๐•–๐•๐•๐•ช


« ๐™ฒ'รจ ๐šš๐šž๐šŠ๐š•๐šŒ๐š˜๐šœ๐šŠ ๐š’๐š— ๐š™๐šŠ๐š›๐š๐š’๐šŒ๐š˜๐š•๐šŠ๐š›๐šŽ ๐š๐š’ ๐šŒ๐šž๐š’ ๐šŸ๐šž๐š˜๐š•๐šŽ ๐š™๐šŠ๐š›๐š•๐šŠ๐š›๐š–๐š’? »
« ๐™ฟ๐šŽ๐š› ๐šŽ๐šœ๐šŽ๐š–๐š™๐š’๐š˜? »
« ๐™ฝ๐š˜๐š— ๐šœ๐š˜, ๐š™๐š˜๐š๐š›๐šŽ๐š‹๐š‹๐šŽ ๐šŒ๐š˜๐š–๐š’๐š—๐šŒ๐š’๐šŠ๐š›๐šŽ ๐š๐šŠ๐š•๐š•'๐š’๐š—๐šŒ๐š’๐š๐šŽ๐š—๐š๐šŽ. »
« ๐™ฐ๐š‘, ๐š•'๐š’๐š—๐šŒ๐š’๐š๐šŽ๐š—๐š๐šŽ. ๐š‚รฌ, ๐šš๐šž๐šŠ๐š•๐šŒ๐š˜๐šœ๐šŠ ๐š๐šŠ ๐š๐š’๐š›๐šŽ ๐šŒ๐šŽ ๐š•'๐š‘๐š˜. »
๐™ป๐šŽ๐š’ ๐šŠ๐šœ๐š™๐šŽ๐š๐šรฒ, ๐š–๐šŠ ๐š•๐šž๐š’ ๐š›๐š’๐š–๐šŠ๐šœ๐šŽ ๐š’๐š— ๐šœ๐š’๐š•๐šŽ๐š—๐šฃ๐š’๐š˜: ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š๐šŽ๐šŒ๐š’๐šœ๐š˜ ๐šŠ๐š—๐šŒ๐š˜๐š› ๐š™๐š›๐š’๐š–๐šŠ ๐š๐š’ ๐šŠ๐š›๐š›๐š’๐šŸ๐šŠ๐š›๐šŽ ๐šŠ ๐™ฒ๐š‘๐š’๐š—๐šŠ๐š๐š˜๐š ๐š— ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐š›๐šŽ๐š‹๐š‹๐šŽ๐š›๐š˜ ๐š๐š˜๐šŸ๐šž๐š๐š˜ ๐š๐š’๐š›๐šŠ๐š›๐š๐š•๐š’ ๐š๐šž๐š˜๐š›๐š’ ๐š•๐šŽ ๐š™๐šŠ๐š›๐š˜๐š•๐šŽ ๐šž๐š—๐šŠ ๐šŠ ๐šž๐š—๐šŠ.


- ๐™ˆ๐™ž๐™˜๐™๐™–๐™š๐™ก ๐˜พ๐™ค๐™ฃ๐™ฃ๐™š๐™ก๐™ก๐™ฎ


lunedรฌ 10 giugno 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ’ | ๐Ÿš๐Ÿš/๐Ÿ™๐Ÿ™/'๐Ÿž๐Ÿ› ๐••๐•š ๐•Š๐•ฅ๐•–๐•ก๐•™๐•–๐•Ÿ ๐•‚๐•š๐•Ÿ๐•˜


๐™ฝ๐š˜๐š— ๐šœ๐š˜๐š—๐š˜ ๐š–๐šŠ๐š’ ๐šœ๐š๐šŠ๐š๐š˜ ๐šž๐š— ๐šž๐š˜๐š–๐š˜ ๐š๐šŠ๐šŒ๐š’๐š•๐šŽ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š•๐šŠ๐šŒ๐š›๐š’๐š–๐šŽ. 
๐š„๐š— ๐š๐š’๐š˜๐š›๐š—๐š˜, ๐š–๐š’๐šŠ ๐š–๐š˜๐š๐š•๐š’๐šŽ ๐š–๐š’ ๐š๐š’๐šœ๐šœ๐šŽ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š’๐š• ๐š–๐š’๐š˜ «๐š๐š›๐šŠ๐š๐š’๐šŽ๐š—๐š๐šŽ ๐šŽ๐š–๐š˜๐š๐š’๐šŸ๐š˜ ๐š™๐šŠ๐š›๐š’ ๐šŠ ๐šฃ๐šŽ๐š›๐š˜» ๐šŽ๐š›๐šŠ ๐š’๐š• ๐š–๐š˜๐š๐š’๐šŸ๐š˜ ๐š™๐š›๐š’๐š—๐šŒ๐š’๐š™๐šŠ๐š•๐šŽ ๐š™๐šŽ๐š› ๐šŒ๐šž๐š’ ๐š–๐š’ ๐šœ๐š๐šŠ๐šŸ๐šŠ ๐š•๐šŠ๐šœ๐šŒ๐š’๐šŠ๐š—๐š๐š˜. ๐™ฒ๐š˜๐š–๐šŽ ๐šœ๐šŽ ๐š’๐š• ๐š๐š’๐šฃ๐š’๐š˜ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐šŒ๐š˜๐š—๐š˜๐šœ๐šŒ๐š’๐šž๐š๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š›๐š’๐šž๐š—๐š’๐š˜๐š—๐š’ ๐š๐šŽ๐š๐š•๐š’ ๐™ฐ๐š•๐šŒ๐š˜๐š•๐š’๐šœ๐š๐š’ ๐™ฐ๐š—๐š˜๐š—๐š’๐š–๐š’ ๐š—๐š˜๐š— ๐šŒ'๐šŽ๐š—๐š๐š›๐šŠ๐šœ๐šœ๐šŽ ๐š™๐šŽ๐š› ๐š—๐š’๐šŽ๐š—๐š๐šŽ. ๐™ฒ๐š‘๐š›๐š’๐šœ๐š๐šข ๐š๐š’๐šœ๐šœ๐šŽ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐š›๐šŽ๐š‹๐š‹๐šŽ ๐š๐š˜๐š›๐šœ๐šŽ ๐š™๐š˜๐š๐šž๐š๐š˜ ๐š™๐šŽ๐š›๐š๐š˜๐š—๐šŠ๐š›๐š–๐š’ ๐š™๐šŽ๐š› ๐š—๐š˜๐š— ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐š› ๐š™๐š’๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šŠ๐š• ๐š๐šž๐š—๐šŽ๐š›๐šŠ๐š•๐šŽ ๐š๐š’ ๐šœ๐šž๐š˜ ๐š™๐šŠ๐š๐š›๐šŽ; ๐š•๐š˜ ๐šŒ๐š˜๐š—๐š˜๐šœ๐šŒ๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐šœ๐š˜๐š•๐š๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š๐šŠ ๐šœ๐šŽ๐š’ ๐šŠ๐š—๐š—๐š’ ๐šŽ ๐š—๐š˜๐š— ๐š™๐š˜๐š๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐šŒ๐šŠ๐š™๐š’๐š›๐šŽ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šž๐š˜๐š–๐š˜ ๐š๐šŠ๐š—๐š๐šŠ๐šœ๐š๐š’๐šŒ๐š˜ ๐šŽ ๐š๐šŽ๐š—๐šŽ๐š›๐š˜๐šœ๐š˜ ๐š๐š˜๐šœ๐šœ๐šŽ ๐šœ๐š๐šŠ๐š๐š˜ (๐šš๐šž๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šœ'๐šŽ๐š›๐šŠ ๐š๐š’๐š™๐š•๐š˜๐š–๐šŠ๐š๐šŠ ๐š•๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š›๐šŽ๐š๐šŠ๐š•๐šŠ๐š๐š˜ ๐šž๐š—๐šŠ ๐™ผ๐šž๐šœ๐š๐šŠ๐š—๐š ๐š๐šŽ๐šŒ๐šŠ๐š™๐š™๐š˜๐š๐š๐šŠ๐š‹๐š’๐š•๐šŽ, ๐š๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š™๐šŽ๐š› ๐š๐šŠ๐š›๐šŽ ๐šž๐š— ๐šŽ๐šœ๐šŽ๐š–๐š™๐š’๐š˜); ๐š–๐šŠ ๐šš๐šž๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š—๐š˜๐š— ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐š˜ ๐š™๐š’๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐šŠ ๐šš๐šž๐šŽ๐š•๐š•๐š’ ๐š๐šŽ๐š’ ๐š–๐š’๐šŽ๐š’ ๐š๐šŽ๐š—๐š’๐š๐š˜๐š›๐š’ (๐š–๐š˜๐š›๐š๐š’ ๐šŠ ๐š๐šž๐šŽ ๐šŠ๐š—๐š—๐š’ ๐š๐š’ ๐š๐š’๐šœ๐š๐šŠ๐š—๐šฃ๐šŠ ๐š•'๐šž๐š—๐š˜ ๐š๐šŠ๐š•๐š•'๐šŠ๐š•๐š๐š›๐šŠ, ๐š™๐šŠ๐š™ร  ๐š๐š’ ๐šŒ๐šŠ๐š—๐šŒ๐š›๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐š˜ ๐šœ๐š๐š˜๐š–๐šŠ๐šŒ๐š˜ ๐šŽ ๐š–๐šŠ๐š–๐š–๐šŠ ๐š๐šž๐š•๐š–๐š’๐š—๐šŠ๐š๐šŠ ๐š๐šŠ ๐šž๐š— ๐šŠ๐š๐š๐šŠ๐šŒ๐šŒ๐š˜ ๐š๐š’ ๐šŒ๐šž๐š˜๐š›๐šŽ ๐š–๐šŽ๐š—๐š๐š›๐šŽ ๐š™๐šŠ๐šœ๐šœ๐šŽ๐š๐š๐š’๐šŠ๐šŸ๐šŠ ๐šœ๐šž ๐šž๐š—๐šŠ ๐šœ๐š™๐š’๐šŠ๐š๐š๐š’๐šŠ ๐š๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐™ต๐š•๐š˜๐š›๐š’๐š๐šŠ), ๐™ฒ๐š‘๐š›๐š’๐šœ๐š๐šข ๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐šŸ๐šŠ ๐š’๐š—๐š’๐šฃ๐š’๐šŠ๐š๐š˜ ๐šŠ ๐šŒ๐šŠ๐š™๐š’๐š›๐šŽ ๐š•๐šŠ ๐š๐šŠ๐šŒ๐šŒ๐šŽ๐š—๐š๐šŠ ๐š๐šŽ๐š• «๐š๐š›๐šŠ๐š๐š’๐šŽ๐š—๐š๐šŽ».


- ๐™Ž๐™ฉ๐™š๐™ฅ๐™๐™š๐™ฃ ๐™†๐™ž๐™ฃ๐™œ


sabato 8 giugno 2019

RECENSIONE | LA TORRE... antologia di una saga

La Torre di Giada Cecchinelli รจ un saggio edito dalla collana Overlook di Weird Book. Uno spaccato che ripercorre i contenuti della saga a partire dal viaggio di Roland, analizzando la stretta connessione tra la sua storia e quella di tutti i mondi e le metafore dei simboli che dominano i significati dell'inconscio di uno dei piรน grandi scrittori americani.
Passando per una realtร  contaminata dagli orrori, dove il tempo e lo spazio si dilatano ed implodono, emergono i valori della perseveranza, dell'amicizia, dell'amore, del coraggio che hanno fatto di Roland l'ultimo pistolero, l'eroe di tutti gli eroi.
La Torre รจ una fotografia dell'anima de La Torre Nera, del macro-verso che ci ingloba e ci sospinge verso il nostro destino.

La capacitร  che ha questo saggio di centrare in pieno il punto, in ogni passaggio, รจ sconcertante e si ha subito la sensazione di leggere su carta quello che ogni lettore de La Torre Nera pensa della saga. Sa restituire le stesse sensazioni citate e il piacere della lettura si moltiplica.
La Torre Nera รจ talmente vivida e vibrante che 'tocca' tutti i suoi lettori in una sorta di comunanza e le parole di uno, sono le parole di tutti.
Raramente capita di leggere qualcosa che rapisce e ti rimane dentro. Giada Cecchinelli riesce a raccontare con destrezza, senza mai inciampare in banalitร , rimanendo sempre focalizzata sull'essenziale, ciรฒ che rende grande la macro-opera di Stephen King.
Si tratta di un'opera analitica, priva di prosa romanzata, utile per chi desidera tornare ad immergersi in quelle ambientazioni, con un coinvolgimento diverso grazie ad un occhio accademico altamente competente.



Il mio voto: 6



Enrico

lunedรฌ 3 giugno 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ‘ | โ„‚๐”ธโ„โ„๐•€๐”ผ ๐••๐•š ๐•Š๐•ฅ๐•–๐•ก๐•™๐•–๐•Ÿ ๐•‚๐•š๐•Ÿ๐•˜


๐™ฝ๐š˜๐š๐š’๐šฃ๐š’๐šŠ ๐š๐š’ ๐šŒ๐š›๐š˜๐š—๐šŠ๐šŒ๐šŠ ๐š›๐š’๐š™๐š˜๐š›๐š๐šŠ๐š๐šŠ ๐š๐šŠ๐š• ๐šœ๐šŽ๐š๐š๐š’๐š–๐šŠ๐š—๐šŠ๐š•๐šŽ ๐™ด๐š—๐š๐šŽ๐š›๐š™๐š›๐š’๐šœ๐šŽ ๐š๐š’ ๐š†๐šŽ๐šœ๐š๐š˜๐šŸ๐šŽ๐š› (๐™ผ๐šŠ๐š’๐š—๐šŽ) ๐š’๐š• ๐Ÿท๐Ÿฟ ๐šŠ๐š๐š˜๐šœ๐š๐š˜ ๐Ÿท๐Ÿฟ๐Ÿผ๐Ÿผ: 

๐™ฟ๐™ธ๐™พ๐™ถ๐™ถ๐™ธ๐™ฐ ๐™ณ๐™ธ ๐™ฟ๐™ธ๐™ด๐šƒ๐š๐™ด. 
๐™ฒ๐š’ ๐šŸ๐š’๐šŽ๐š—๐šŽ ๐š›๐š’๐š๐šŽ๐š›๐š’๐š๐š˜ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐šž๐š—๐šŠ ๐š™๐š’๐š˜๐š๐š๐š’๐šŠ ๐š๐š’ ๐š™๐š’๐šŽ๐š๐š›๐šŽ รจ ๐šŒ๐šŠ๐š๐šž๐š๐šŠ ๐š๐šŠ ๐šž๐š— ๐šŒ๐š’๐šŽ๐š•๐š˜ ๐š™๐šŽ๐š›๐š๐šŽ๐š๐š๐šŠ๐š–๐šŽ๐š—๐š๐šŽ ๐šœ๐šŽ๐š›๐šŽ๐š—๐š˜ ๐šœ๐šž ๐™ฒ๐šŠ๐š›๐š•๐š’๐š— ๐š‚๐š๐š›๐šŽ๐šŽ๐š, ๐š—๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ๐š’๐š๐š๐šŠ ๐š๐š’ ๐™ฒ๐š‘๐šŠ๐š–๐š‹๐šŽ๐š›๐š•๐šŠ๐š’๐š—, ๐š’๐š• ๐Ÿท๐Ÿฝ ๐šŠ๐š๐š˜๐šœ๐š๐š˜. ๐™ณ๐š’๐šŸ๐šŽ๐š›๐šœ๐šŽ ๐š™๐šŽ๐š›๐šœ๐š˜๐š—๐šŽ ๐šœ๐šŠ๐š›๐šŽ๐š‹๐š‹๐šŽ๐š›๐š˜ ๐šœ๐š๐šŠ๐š๐šŽ ๐š๐šŽ๐šœ๐š๐š’๐š–๐š˜๐š—๐š’. ๐™ป๐šŽ ๐š™๐š’๐šŽ๐š๐š›๐šŽ ๐šœ๐š˜๐š—๐š˜ ๐šŒ๐šŠ๐š๐šž๐š๐šŽ ๐šœ๐šž๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ๐šŠ๐šœ๐šŠ ๐š๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐šœ๐š’๐š๐š—๐š˜๐š›๐šŠ ๐™ผ๐šŠ๐š›๐š๐šŠ๐š›๐šŽ๐š ๐š†๐š‘๐š’๐š๐šŽ, ๐š›๐š˜๐šŸ๐š’๐š—๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š๐š›๐šŠ๐šŸ๐šŽ๐š–๐šŽ๐š—๐š๐šŽ ๐š’๐š• ๐š๐šŽ๐š๐š๐š˜ ๐šŽ ๐šœ๐š๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š—๐š๐š˜ ๐š๐šž๐šŽ ๐š๐š›๐š˜๐š—๐š๐šŠ๐š’๐šŽ ๐šŽ ๐šž๐š— ๐š๐šž๐š‹๐š˜ ๐š๐š’ ๐šœ๐šŒ๐š˜๐š•๐š˜ ๐š™๐šŽ๐š› ๐šž๐š— ๐š๐šŠ๐š—๐š—๐š˜ ๐š๐š’ ๐šŒ๐š’๐š›๐šŒ๐šŠ ๐Ÿธ๐Ÿป ๐š๐š˜๐š•๐š•๐šŠ๐š›๐š’. ๐™ป๐šŠ ๐šœ๐š’๐š๐š—๐š˜๐š›๐šŠ ๐š†๐š‘๐š’๐š๐šŽ, ๐šŸ๐šŽ๐š๐š˜๐šŸ๐šŠ, ๐šŠ๐š‹๐š’๐š๐šŠ ๐š—๐šŽ๐š•๐š•๐šŠ ๐šŒ๐šŠ๐šœ๐šŠ ๐š๐š’ ๐™ถ๐š›๐š’๐š— ๐š‚๐š๐š›๐šŽ๐šŽ๐š ๐šŒ๐š˜๐š— ๐š•๐šŠ ๐š๐š’๐š๐š•๐š’๐š˜๐š•๐šŽ๐š๐š๐šŠ ๐š๐š’ ๐š๐š›๐šŽ ๐šŠ๐š—๐š—๐š’, ๐™ฒ๐šŠ๐š›๐š›๐š’๐šŽ. ๐™ฝ๐š˜๐š— ๐šœ๐š’ ๐š‘๐šŠ๐š—๐š—๐š˜ ๐šŒ๐š˜๐š–๐š–๐šŽ๐š—๐š๐š’ ๐š๐š’๐š›๐šŽ๐š๐š๐š’, ๐š™๐šŽ๐š›๐šŒ๐š‘รฉ ๐š—๐š˜๐š— รจ ๐šœ๐š๐šŠ๐š๐š˜ ๐š™๐š˜๐šœ๐šœ๐š’๐š‹๐š’๐š•๐šŽ ๐šŠ๐šŸ๐šŸ๐š’๐šŒ๐š’๐š—๐šŠ๐š›๐šŽ ๐š•๐šŠ ๐šœ๐š’๐š๐š—๐š˜๐š›๐šŠ ๐š†๐š‘๐š’๐š๐šŽ.


- ๐™Ž๐™ฉ๐™š๐™ฅ๐™๐™š๐™ฃ ๐™†๐™ž๐™ฃ๐™œ



lunedรฌ 27 maggio 2019

๐ˆ๐๐‚๐ˆ๐๐ˆ๐“ & ๐‚๐€๐…๐…๐„' #๐Ÿ | ๐•ƒ๐”ธ โ„๐”ธ๐”พ๐”ธโ„คโ„ค๐”ธ ๐”ป๐”ผ๐•ƒ ๐•‹โ„๐”ผโ„•๐•† ๐••๐•š โ„™๐•’๐•ฆ๐•๐•’ โ„๐•’๐•จ๐•œ๐•š๐•Ÿ๐•ค


๐š…๐š’๐šŒ๐š’๐š—๐š˜ ๐šŠ๐š•๐š•๐šŽ ๐š›๐š˜๐š๐šŠ๐š’๐šŽ ๐šŒ’รจ ๐šž๐š— ๐š–๐šž๐šŒ๐šŒ๐š‘๐š’๐šŽ๐š๐š๐š˜ ๐š๐š’ ๐šŸ๐šŽ๐šœ๐š๐š’๐š๐š’. ๐š„๐š— ๐š’๐š—๐š๐šž๐š–๐šŽ๐š—๐š๐š˜ ๐šŠ๐šฃ๐šฃ๐šž๐š›๐š›๐š˜, ๐šœ๐šŽ๐š–๐š‹๐š›๐šŠ ๐šž๐š—๐šŠ ๐šŒ๐šŠ๐š–๐š’๐šŒ๐š’๐šŠ, ๐šŠ๐š›๐š›๐š˜๐š๐š˜๐š•๐šŠ๐š๐šŠ ๐š’๐š—๐šœ๐š’๐šŽ๐š–๐šŽ ๐šŠ ๐šš๐šž๐šŠ๐š•๐šŒ๐š˜๐šœ๐šŠ ๐š๐š’ ๐š‹๐š’๐šŠ๐š—๐šŒ๐š˜. ๐™ฟ๐š˜๐š๐š›๐šŽ๐š‹๐š‹๐šŽ๐š›๐š˜ ๐šŽ๐šœ๐šœ๐šŽ๐š›๐šŽ ๐šœ๐š๐šŠ๐š๐š’ ๐š‹๐šž๐š๐š๐šŠ๐š๐š’ ๐š๐š›๐šŠ ๐š๐š•๐š’ ๐šŠ๐š•๐š‹๐šŽ๐š›๐š’ ๐š•๐šž๐š—๐š๐š˜ ๐š’๐š• ๐š๐šŽ๐š›๐š›๐šŠ๐š™๐š’๐šŽ๐š—๐š˜ ๐š๐šŠ๐š๐š•๐š’ ๐š’๐š—๐š๐šŽ๐š๐š—๐šŽ๐š›๐š’ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š•๐šŠ๐šŸ๐š˜๐š›๐šŠ๐š—๐š˜ ๐šŠ ๐šš๐šž๐šŽ๐šœ๐š๐š˜ ๐š๐š›๐šŠ๐š๐š๐š˜ ๐š๐š’ ๐š•๐š’๐š—๐šŽ๐šŠ ๐šŽ ๐šŒ๐š‘๐šŽ ๐š™๐šŠ๐šœ๐šœ๐šŠ๐š—๐š˜ ๐š๐š’ ๐šš๐šž๐šŠ ๐š–๐š˜๐š•๐š๐š˜ ๐šœ๐š™๐šŽ๐šœ๐šœ๐š˜.


๐™‹๐™–๐™ช๐™ก๐™– ๐™ƒ๐™–๐™ฌ๐™ ๐™ž๐™ฃ๐™จ